Influencer: è la nuova moda?

Influencer: è la nuova moda?

Spread the love

Influencer è la parola inglese con la quale si indica l’influenzatore, colui che, esercitando influenza, è in grado di condizionare nel comportamento o nell’atteggiamento la volontà altrui.

Gli Influencer ci sono sempre stati ma, prima dell’avvento del digitale, tale “ruolo” era tendenzialmente ricoperto dai VIP oppure, su scala più ridotta, da quelle persone che avevano un certo seguito in ambito locale, gli Opinion Leader.

Il Digital ed in particolare i Social hanno creato un nuovo personaggio: il Web Influencer.

Web Influencer

Il Web Influencer, argomento già trattato da Repubblica.it, è quella persona che è capace, con la propria attività online, di incidere sulle decisioni di acquisto dei propri pari (che possono essere anche decine di migliaia) sempre più refrattari ai classici messaggi pubblicitari. Riescono in tale ambito perché sono considerati degli specialisti di una determinata materia.

Spesso il Web Influencer è una persona con una forte passione per un determinato argomento e condivide con i propri seguaci (i Follower) le proprie conoscenze e/o i trucchi per gestire un determinato argomento (si veda ad esempio Salvatore Aranzulla). Ciò avviene quasi sempre gratuitamente e, proprio grazie alla gratuità, la generazione di valore verso terzi, senza un immediato contraccambio economico, fa aumentare la sua visibilità tanto da attirare, in molti casi, l’attenzione delle Aziende.

Molti ancora guardano a questo fenomeno come un’attività da smanettoni o riservata ad una nicchia però i numeri parlano chiaro:

  • Secondo una ricerca di Report Linker, sempre più persone leggono le recensioni e ben il 78% le trova affidabili.
  • Nel 2016 le Aziende hanno speso in media tra i $25.000 ed i $50.000 per le campagne di Influencer Marketing ed il 94% dei Marketers che li ha usate ritiene che funzionino (Fonte The Red Tree)
  • Il 71% delle persone sono più inclini ad effettuare un acquisto a seguito di una recensione sui social media (Fonte Hubspot)

Se sei ancora convinto che sia un fenomeno marginale, dovresti riflettere anche sul fatto che anche il Governo Italiano (nota ANSA) ha deciso di intervenire a livello legislativo affinché, come dichiara l’Unione Nazionale Consumatori, “l’attività dei web Influencer sia regolata, permettendo ai consumatori di identificare in modo univoco quali interventi realizzati all’interno della rete internet costituiscano sponsorizzazione”.

Top e Smart Influencer

Gli Influencer stanno pertanto diventando sempre più importanti per le aziende. Perché? Perché creano conversazioni e danno visibilità al Brand e, in molti casi, generano vendite.

Ovviamente non tutti gli Influencer sono uguali infatti, possiamo suddividerli in due gruppi: Top e Smart Influencer.

I Top Influencer sono molto pochi rispetto agli Smart, hanno un’audience molto estesa e vengono pagati a post pubblicato. Generalmente possono essere ingaggiati per il tramite di un Agente (specialmente se parliamo di personaggi del jet set) oppure tramite i propri canali digitali. Tendenzialmente non è difficile imbattersi in loro. Fanno parte di questo gruppo alcuni personaggi famosi come il re di Instagram Gianluca Vacchi.

Gli Smart Influencer, sono molto numerosi, hanno un’audience limitata e spesso, anche se nessuno ci pensa subito, sono proprio i nostri clienti.

Riflettici e trova il modo di ingaggiarli.

Sono persone che utilizzano in modo impeccabile i social (spesso si specializzano utilizzando una sola piattaforma) e curano alla perfezione il proprio Personal Branding.

Non è facile rintracciali così come può avvenire con i Top ma oggi si stanno diffondendo sempre più piattaforme che hanno come obiettivo quello di ingaggiarli, profilarli, controllarli e pagarli a performance (digitale).

Il Web Influencer Funziona veramente?

Io ho utilizzato gli Smart Influencer e possi dirvi che… ve lo racconterò nel prossimo articolo.

SEMrush

Quello che mi preme dire adesso è che l’utilizzo degli Influencer deve essere previsto e programmato nella strategia di comunicazione digitale. Come per l’offline, nulla deve essere lasciato al caso e non si può improvvisare.

Ti consiglio di leggere:

I. Marketing – Valorizza le relazioni e dai voce al tuo brand – Prassi, strategie e strumenti per gestire influenza e relazioni

Digital Marketing For Dummies (For Dummies (Lifestyle))

Rimani in contatto con me con

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *