LinkedIn non è Facebook ma neanche Tinder!

LinkedIn non è Facebook ma neanche Tinder!

Spread the love

10 cose che non devi fare (o scrivere) utilizzando LinkedIn

Che LinkedIn sia ormai uno strumento indispensabile per il proprio posizionamento professionale (non per cercare lavoro, soprattutto se è il primo!) ormai è risaputo tanto che anche il Sole24Ore ne parla nell’articolo “Lavoro, come si fa colpo su un’azienda: parola di LinkedIn”.

Abbiamo anche capito che è diverso da Facebook. Non è un social generalista e richiede tempi e linguaggi differenti. Però alcuni non hanno capito che non è Tinder, il noto social per incontri 2.0.

Da maschietto non avevo ben chiaro questo utilizzo “bizzarro” di LinkedIn ma gestendo un profilo di una giovane professionista ho appreso che alcuni lo usano per rimorchiare!

Cosi come ha tentato di fare Matteo, un giovane commerciale torinese, che chiede il contatto per condividere affinità professionali e per poi passare subito a “che bel sorriso che hai”, hobby, figli e la domanda di verifica sull’esistenza o meno di un compagno… Ed io che mi lamentavo di ricevere proposte commerciali a freddo.

10 cose che non devi fare (o scrivere) utilizzando LinkedIn:

  • Non tentare il rimorchio facile. Si perde di credibilità e si sprecano delle opportunità.
  • Evita di utilizzare termini inflazionati.  “Manager”, “Esperto” o simili sono parole inutili se non dimostri che lo sei è veramente. Un neolaureato difficilmente sarà manager..
  • Lasciare in bianco la parte dedicata al Sommario. E’ fondamentale ed è qui che devi dare il massimo per creare il tuo Elevator Pitch.
  • Indicare l’indirizzo di casa nei propri dati. Il mondo è bello perché è vario ma a volte pieno di insidie pertanto è meglio evitare che qualche simpaticone lo utilizzi per dar vita ad azioni più o meno pesanti di stalking.
  • Usare foto poco professionali. Alcune immagini potrebbero andare benissimo per il tuo profilo Instagram ma non per LinkedIn. Fai attenzione alla tua immagine inserendo foto professionali che mettono in evidenza il tuo viso e nulla di più (a buoni intenditori poche parole..). L’immagine, unitamente all’introduzione/sommario ed al Titolo, è un elemento strategico in quanto coloro che analizzano il tuo profilo dedicano appena 6,25 secondi per capire se puoi essere interessante per loro.
  • Scrivere disoccupato o in cerca di lavoro nel campo dedicato al Titolo. Su LinkedIn si cercano persone che possono essere “utili” ai propri fini. Pertanto evita di dire ciò che non hai ma metti in risalto le tue competenze evidenziando le soluzioni che potrai dare a chi si imbatte nel tuo profilo.
  • Lasciare inutilizzato lo sfondo. Come ti dicevo, chi visita il tuo profilo investirà solo una piccola parte del suo tempo per capire chi sei. Lo sfondo ti dà la possibilità di far capire chi sei e cosa fai. Ad esempio, una foto che ti ritrae sul palco mentre presenti gli ultimi risultati di bilancio o un nuovo prodotto faranno capire che sei una persona in grado di parlare in pubblico, che sa gestire lo stress, che sa tenere una sala e che ha la capacità nonché il ruolo per poter rappresentare la sua società (o se stesso) in pubblico.
  • Dimenticare le Keyword: chi ricerca una figura “particolare” ricorre alla delle chiavi di ricerca così come avviene con Google pertanto, ove possibile, inserisci le “tue keyword”
  • Mentire: ormai è facile essere “scoperti” pertanto evita di dire le bugie sia per quel che concerne la tua posizione sia per le lingue. Saper dire che “the pen s on the table” non significa che puoi gestire una riunione con un team internazionale. Meglio essere trasparenti ed onesti. Alla fine l’onesta ripaga sempre.
  • Non aggiornare la propria posizione. Trascurare questo elemento è come non avere cura di se stessi. Magari stai pensando che non è il momento di farlo perché stai bene dove ti trovi oppure non vuoi cambiare lavoro. Bene, LinlkedIn non serve a chi è in cerca di lavoro. Serve per condividere valore e creare delle opportunità Se ritieni che sia opportuno cambiare la tua label solo quando ne avrai bisogno…sarà troppo tardi.

Buon lavoro e buona condivisione di valore. A tutti 👍.

 

P.S. Per il rimorchio, invece, si rimanda ai siti specializzati 😉

Rimani in contatto con me con

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *